utenti online

Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 1
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

Dieci euro valgono una vita: sos dell’associazione “Il dono”

Una casa per ragazze madri, come a Borgotrebbia

Piacenza ha un doppio record nella promozione della vita nascente.

Negli anni ‘70,  l’allora vescovo mons. Manfredini lanciò dalla nostra città uno dei primissimi progetti a favore della famiglia creando l’Istituto “La Casa”, che il 27 aprile inaugura la nuova sede. Nel terzo millennio, attraverso “Le Querce di Mamre”, ha dato il via a Borgotrebbia ad una casa accoglienza per donne in gravidanza che, dallo scorso anno, ospita due neomamme. Adesso l’associazione “Il dono”, di cui la realtà piacentina fa parte, vorrebbe poter aprire una casa così anche a Roma.

Dopo lo sfratto dal vecchio centro d’ascolto, si è riusciti ad individuare un appartamento adatto per ospitare in un percorso di ricostruzione della propria vita anche due mamme in attesa che vivono in situazioni di difficoltà.

Il problema però sono i soldi. Per questo Serena Taccari, fondatrice de “Il dono” insieme al marito Edoardo, lancia anche attraverso il nostro settimanale un sos: “Dieci euro valgono una vita”. Trovando 150 persone circa disposte a versare 10 euro al mese per un anno, infatti, l’associazione sarà in grado di coprire l’affitto annuo per il centro di accoglienza. E potrà continuare un servizio di vicinanza e presenza alle donne che - dal 2005, anno di fondazione, ad oggi - ha totalizzato 2500 contatti da tutta Italia e visto nascere 300 bambini. Il che dà il polso di come una presenza, competente ma ricca di umanità, possa fare la differenza nella scelta di una donna che si trova al bivio di una gravidanza non cercata.

Serena ci è passata in prima persona e sa cosa significhi lottare contro tutto e tutti. “A volte - ci racconta al telefono - basta sapere che c’è qualcuno che fa il tifo per te, altre volte servono interventi diversi, ai vari livelli”.

Di qui la proposta dei week end per mamme single o per le donne che hanno vissuto l’esperienza lacerante dell’aborto (per partecipare al prossimo c’è tempo per iscriversi fino a domenica 25, www.il-dono.org). Fino all’accompagnamento vero e proprio, durante la gravidanza e nei primi anni di vita del bambino, delle donne più in difficoltà, come persone prima ancora che come madri. “Sento spesso dire che si abortisce per la crisi economica. Sì, è vero che c’è crisi. Ma la crisi più grande che oggi soffriamo è quella della famiglia - riflette Serena -. Se mancano i valori strutturali della persona, se contano solo i soldi, la carriera o ciò che gli altri si aspettano da te, che spazio c’è per credere nella dignità della persona?”.

Ricostruire l’umano. “Il dono” ci crede e non si stanca di impegnarsi, affidandosi alla Provvidenza. Ma anche per i miracoli c’è bisogno di noi; chi volesse dare un aiuto per sostenere la nascita della casa accoglienza a Roma: c/c postale n. 73452781 intestato ad “Associazione Il Dono” oppure bonifico bancario intestato a “Il Dono onlus” c/o Credito Artigiano agenzia RM14 iban IT47H03512 03214000000000809.

 

Il Nuovo Giornale, settimanale della diocesi di Piacenza-Bobbio, 23 aprile 2010