utenti online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 0
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

quali sono i metodi contraccettivi?

esistono diversi metodi cosiddetti contraccettivi. Li elenchiamo di seguito spiegando il funzionamento di ciascuno di essi.

 

  • Profilattico

Consiste in un cappuccio di gomma morbida con il quale si ricopre integralmente il pene durante il rapporto sessuale, impedendo allo sperma di essere deposto in vagina

Indice di Pearl: 7-10%. È condizionato dalla qualità di fabbricazione e dalla capacità d'uso.
Vantaggi: basso costo; possibilità di acquisto senza ricetta medica; parziale protezione dal contagio da malattie sessualmente trasmesse.
Svantaggi: il rapporto sessuale sembra perdere di spontaneità; comparsa di irritazioni vaginali nella donna e allergie al silicone nell'uomo.

È in corso di sperimentazione il preservativo femminile, formato da una specie di cappuccio in poliuretano che si applica sulla zona perineale e copre la vulva, impedendo il contato con gli spermatozoi.

 

  • Diaframma
È costituito da un disco di gomma, soffice nella parte centrale, rigido, ma flessibile ai bordi.

Indice di Pearl: 14-15%.
L'inserimento del diaframma in vagina prima del rapporto e l'estrazione al termine lo rendono poco gradito alla donna; può inoltre provocare irritazioni vaginali e facilita l'insorgenza delle infezioni delle vie urinarie.


  • Pillola anticoncezionale
La pillola estroprogestinica è composta dall'associazione di due ormoni sintetici: un estrogeno ed un progestinico.
Esplica la sua azione contraccettiva nei seguenti modi associati:
a) inibendo il sistema ipotalamo-ipofisario, in modo che venga impedito il rilascio della cellula uovo (ovulazione) e di ormoni;
b) alterando la composizione del muco cervicale che diventa inospitale per gli spermatozoi e ne impediscono la risalita verso il corpo dell'utero;
c) alterando il normale susseguirsi delle modificazioni dell'endometrio uterino per cui, nel momento in cui si verificasse l'ovulazione e avvenisse il concepimento, l'embrione non avrebbe possiiblità di annidarsi nell'utero;
d) modificando la motilità delle tube di Falloppio ed impedendo il passaggio degli spermatozoi che devono incontrare la cellula uovo e, dopo l'eventuale concepimento, la discesa dell'embrione verso l'utero. Queste due ultime modalità fanno inserire la pillola estroprogestinica nei meccanismi abortivi.

Indice di Pearl: inferiore a 1%.
Rischi legati all'assunzione della pillola estroprogestinica: trombosi venosa profonda; embolia polmonare; patologie delle arterie e delle coronarie; infarto cardiaco; nascita di un bambino malformato se assunta accidentalmente durante la gravidanza; tumore maligno al collo dell'utero; tumore alla mammella.
Effetti collaterali: nausea e vomito; turgore e tensione della mammella; gonfiori ed aumento di peso, dovuto alla ritenzione di liquidi; cefalea; depressione; diminuzione del desiderio sessuale; secchezza vaginale che provoca rapporti dolorosi; perdite ematiche tra un flusso e l'altro; problemi psicologici vari.



  • Metodi Naturali
I metodi naturali per la regolazione della fertilità forniscono alla donna una conoscenza approfondita del proprio ciclo mestruale e le consentono di distinguere i giorni potenzialmente fertili da quelli non fertili grazie all'osservazione di alcuni segni e sintomi di fertilità. In tale modo la donna ha l'opportunità di capire il proprio corpo e le sue leggi, e la coppia ha la possibilità di ricercare o di rinviare consapevolmente una gravidanza.
I moderni metodi naturali, rappresentati dal Metodo dell'Ovulazione Billings e dai Metodi Sintotermici, sono di provata validità scientifica ed assolutamente efficaci, come dimostrato anche da studi condotti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Essi non richiedono che i cicli siano regolari, in quanto non sono basati su calcoli probabilistici, e pertanto possono essere applicati in ogni circostanza della vita riproduttiva, ovvero in presenza di cicli regolari, di cicli irregolari, durante l'allattamento al seno, alla sospensione dei contraccettivi ormonali, in casi di ridotta fertilità, durante la premenopausa.
Il Metodo Billings si basa sulla rilevazione quotidiana del muco cervicale, una secrezione prodotto dal collo dell'utero. Le caratteristiche modificazioni che il muco subisce nel corso del ciclo mestruale sono facilmente rilevabili da parte della donna, permettendole di riconoscere le diverse fasi del ciclo mestruale.
I Metodi Sintotermici si basano sull'osservazione contemporanea di diversi parametri di fertilità, ed in particolare del muco cervicale e della temperatura basale: l'associazione di questi sintomi consente di identificare efficacemente la fase fertile del ciclo.
Entrambi i metodi naturali sono assolutamente semplici da imparare e da applicare, e non richiedono competenze particolari di tipo scientifico o medico.
I metodi naturali moderni sono il frutto di anni ed anni di rigorose ricerche scientifiche nel campo della regolazione della fertilità; essi sono pertanto un patrimonio dell'intera umanità ed in particolare di ogni uomo e di ogni donna; come tali sono assolutamente laici e non legati ad alcun credo politico o religioso.
I metodi naturali permettono di rispettare i ritmi naturali dell'organismo; in essi l'uomo si limita a fare uso con intelligenza della propria natura. I metodi naturali non sono mezzi contraccettivi; le tecniche contraccettive non forniscono alcuna conoscenza del proprio stato di fertilità, ed anzi agiscono sulla fertilità, solitamente su quella della donna, alterandola o distruggendola; nella contraccezione l'uomo si fa padrone della propria natura.
I metodi naturali, pur costituendo uno strumento diagnostico della fertilità, sono più di una tecnica: essi rappresentano una via particolare e privilegiata per comprendere l'inestimabile valore della persona umana come unità di corpo, psiche e spirito e la bellezza dell'amore tra un uomo e una donna come amore totale e pienamente umano. In questo senso i metodi naturali sono una via per realizzare un valore.
Per imparare i metodi naturali è necessario rivolgersi ad un'insegnante qualificata; la supervisione di un'insegnante, che aiuti la donna a riconoscere e ad interpretare i propri segni di fertilità e a registrarli correttamente, è indispensabile per un corretto apprendimento. Le insegnanti dei metodi naturali sono riunite in associazioni di volontariato e svolgono la loro attività di consulenza a titolo gratuito; queste associazioni sono diffuse su tutto il territorio nazionale.


  • Spermicidi
Sostanze chimiche in grado di inattivare gli spermatozoi deposti in vagina, prima che possano raggiungere il canale cervicale.
Hanno una scarsa efficacia; per questo motivo vengono usati in associazione ad altri metodi contraccettivi di barriera.


  • Spugne
Fatte di poliuretano e imbevute di uno spermicida, vengono introdotte a ridosso del collo dell'utero.
La loro funzione è quella di assorbire tutto il prodotto dell'eiaculazione, impedendo l'accesso al canale cervicale degli spermatozoi. Hanno scarsa efficacia contraccettiva.


  • Lavande vaginali
Usate per rimuovere gli spermatozoi deposti in vagina e consistono nel fare fluidi , come l'acqua, sostanze spermicide o liquidi strani come l'aceto o la coca-cola.
Si tratta di una pratica completamente inefficace.



  • Pillola del giorno dopo (ABORTIVA)
Assunzione massiva per bocca di un progestinico (levonorgestrel) entro le 72 ore da un rapporto sessuale che si ritiene possa essere responsabile di un concepimento; tale assunzione va ripetuta dopo 12 ore.
Le alte dosi di ormone assunte causano un totale sconvolgimento del delicato equilibrio ormonale: se è avvenuto il concepimento, l'embrione non riesce ad impiantarsi nell'endometrio sostanzialmente modificato dal farmaco e viene espulso, provocando un aborto precoce.
Non può esse considerato un normale contraccettivo e non può in alcun modo sostituire la contraccezione.

  • Spirale (ABORTIVA)
Dispositivo di materiale plastico o di altro materiale, di varia forma, che viene inserito nella cavità uterina.
Il meccanismo d'azione si esplica in diversi modi:
a) induzione di una reazione da corpo estraneo che provoca un'infiammazione cronica della mucosa endometriale, rendendola inospitale nei confronti di un eventuale embrione pronto ad impiantarsi - infatti la spirale non impedisce l'ovulazione;
b) alterazione della caratteristiche del muco cervicale che impedisce la risalita degli spermatozoi verso il canale cervicale e la cavità uterina. Questo secondo effetto è presente solo nel caso in cui la spirale sia medicata con il rame o con un progestinico.


  • Pillola del mese dopo o RU486 (ABORTIVA)
Costituita da mifepristone, sostanza chimica che si lega a livello dei recettori per il progesterone, "l'ormone della gravidanza".
La mancata azione del progesterone causa il distacco dell'embrione dalla parete uterina e la conseguente espulsione, cioè un aborto.