utenti online

Abbiamo 99 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 0
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:

ARGOMENTO: i DISTURBI PSICHICI DEL POST-ABORTO

i DISTURBI PSICHICI DEL POST-ABORTO 08/11/2016 16:47 #22856

  • Nottola65
  • Avatar di Nottola65
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 122
  • Ringraziamenti ricevuti 31
  • Karma: 0
Nelle Strutture Pubbliche ( Consultori ed Ospedali ed Ambulatori IVG ) ANCHE di questo si dovrebbe informare la Donna, non solo farLe firmare quel semplice certificato in cui la si invita a soprassedere di una settimana.

Quella SETTIMANA sarebbe DI RIFLESSIONE, ma su che cosa dovrebbe riflettere la Donna SE viene rispedita nel suo ambiente nel quale subisce condizionamenti?

Quale RIFLESSIONE sarebbe possibile SE alla donna non viene fatta alcuna domanda per renderla consapevole dell'atto irreversibile che sta per fare?

Che tipo di riflessione potrebbe fare la donna, lasciata sola, se non è stata sottoposta a COLLOQUI DISSUASIVI ( PREVISTI DALLA LEGGE, MA SCRITTI SOLO SULLA CARTA ) da parte di operatori sanitari nel tentativo di RIMUOVERE LE CAUSE CHE LA PORTEREBBERO AD ABORTIRE
ESAMINANDO E TENTANDO DI RISOLVERE, I PROBLEMI CHE ESSA PONE,
E OFFRENDO A LEI LE POSSIBILI SOLUZIONI?

QUESTA SAREBBE LA TUTELA DELLA MATERNITA' E DELLA VITA FIN DAL SUO INIZIO che è sancita nell'Articolo 1 della 19478?

Altrimenti SENZA QUESTE INFOMAZIONI E TUTELE, il CONSENSO alla Interruzione Volontaria di Gravidanza, in quanto ATTO MEDICO (e non Diritto della donna come spesso si dichiara, l'aborto non è un Diritto!)

NON SAREBBE UN CONSENSO INFORMATO E IL MEDICO SI RENDEREBBE COSI' RESPONSABILE DEGLI EVENTUALI DANNI PSICOLOGICI E/O FISICI dalla Donna riportati !!

[ visto che al Nascituro non viene riconosciuto Prima della Nascita alcun Diritto, NONOSTANTE i progressi nelle metodiche ad esempio Ultrasonografia ( in 40 anni di progressi ce ne sono stati ) ne rendono visibile la IDENTITA' GIA' DURANTE LA VTA INTRAUTERINA E FIN DAL MOMENTO DEL CONCEPIMENTO! ]


Tra le paure ora capisco anche perché non salgo più negli ascensori, ed è ovvio è la cosa più irrilevante questa.
Per attacchi di Panico, poiché l'aborto è una esperienza di morte, mi recai più volte nel Pronto Soccorso.
Ed anche questo Disturbo psicologico è stato tra i meno rilevanti.

I Disturbi PSICHICI QUALORA SI MANIFESTINO E NEL CASO SI MANIFESTINO INVESTONO LA DONNA AL 100 % MINANDO profondamente la QUALITA' DELLA VITA DELLA DONNA,
E FORSE ANCHE LA QUANTITA' DI VITA.
QUESTO LO SAPRO' DIRE SOLO ALLA FINE.
Allegati:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.231 secondi