utenti online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 1
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

cosa si vede ecograficamente nel primo trimestre (12 settimane) di gravidanza?

La finalità principale dell'ecografia del primo esame (che di norma avviene tra l'8 e la 11 settimana) è la datazione della gravidanza: misurando la lunghezza del feto è possibile valutare se lo sviluppo fetale corrisponde o meno all’epoca di gravidanza calcolata sulla base dell’ultima mestruazione. Ciò può avere importanti ripercussioni ad esempio sull’epoca corretta per l’esecuzione di esami particolari (amniocentesi, tri-test etc), sulla valutazione della crescita fetale nelle epoche successive ed, ancora, sull’epoca corretta del termine della gravidanza. Sempre nel corso del primo esame è possibile valutare il numero di feti e, dalla fine del secondo mese, l’attività pulsatile del cuore.

A volte per visualizzare meglio il feto può essere adottata la tecnica dell'ecografia transvaginale: inserendo in vagina una sonda dalla forma allungata le scansioni ecografiche sono più nitide e l'esame risulta più accurato in questa epoca gestazionale ancora molto precoce.

Piuttosto recentemente è stata proposta un’ecografia a 10-14 settimane per lo screening della trisomia 21 basandosi sulla constatazione che, per ragioni non ancora del tutto chiare, i feti affetti da un’anomalia dei cromosomi hanno spesso un accumulo transitorio di liquido nella regione nucale. La misurazione della cosiddetta "traslucenza nucale" fornisce una stima del rischio di anomalia cromosomica più accurata di quella basata soltanto sull’età materna e può essere associato ad un prelievo di sangue volto a dosare alcune sostanze presenti nel siero materno (free betaHCG e PAPP-A). Secondo alcuni Autori tale metodica consente di identificare circa il 90% dei feti Down nel primo trimestre.